Gli studi con i nuovi investitori nella Serie A
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
28 mag 2021
Sport

Gli studi con i nuovi investitori nella Serie A

Il forte interesse di fondi e gruppi esteri, in particolare statunitensi, sul business legato al calcio italiano, soprattutto per le opportunità dal restyling degli stadi, fa crescere la domanda di servizi legali, in particolare nel corporate, real estate e Tmt


Negli ultimi due anni si è assistito a un forte interesse degli investitori esteri per entrare nel business legato al calcio italiano. Un’area su cui si sono posizionati alcuni studi nei segmenti alto e medio alto del mercato legale, soprattutto nelle practice corporate e M&A, private equity, finance e real estate, ma anche nell'amministrativo e Tmt.

Dopo l’ondata del 2020, anche il 2021 potrebbe vedere nuovi deal, sulla scia dell’accordo dell’Internazionale Fc con il fondo Oaktree, affiancato come riportato da il Sole 24 ore da Gattai Minoli Agostinelli (TLIndex10), per un finanziamento da 275 milioni di euro, lo stesso studio che nel 2017 aveva seguito la riorganizzazione del debito dell'Ac Milan, con l'intervento di Elliott e Blue Sky, operazione cui è seguita dopo circa un anno il passaggio della società da Yonghong Li a Elliott dell'hedge fund manager americano Paul Singer.

Sul tavolo di alcuni investitori esteri, in particolare statunitensi, come riportavano alcune indiscrezioni stampa a inizio anno, ci sarebbero altri 18 club provinciali italiani, ma comunque appetibili, in un settore in cui si stima un giro d'affari complessivo di poco meno di 4 miliardi di euro l'anno (fonte: PwC), tra ricavi da diritti tv e radio, plusvalenze per cessione di giocatori, ingressi da stadio, sponsor e attività commerciali

Ad attirare gli investitori è soprattutto il giro d'affari potenziale connesso alla necessità dei club di rinnovare gli impianti sportivi in un contesto normativo diventato ormai favorevole agli investimenti e che dovrebbe, quindi, accelerare gli interventi di restyling. Basti pensare all'emendamento "Sblocca Stadi", una norma contenuta nel Dl Semplificazioni dello scorso anno che va in questa direzione, anche se i principali progetti sul tavolo, a Roma e a Milano, sembrano ancora andare per le lunghe.

Tra gli studi più attivi nell'ultimo biennio, si segnala in particolare Chiomenti (TLIndex2) che, dopo aver assistito in passato sia Fininvest per la vendita dell’Ac Milan sia Erik Thohir per il 30% dell’Inter, ha seguito negli ultimi 24 mesi quattro acquisizioni di squadre di calcio a fianco di investitori statunitensi. Lo studio ha assistito il gruppo texano Friedkin per l’As Roma, un'operazione che ha visto il coinvolgimento di Tonucci (TLIndex47) e Dla Piper (TLIndex5) assieme a James Pallotta. Chiomenti ha poi affiancato altri tre investitori a stelle e strisce: Rocco Commisso per l'acquisto della Fiorentina, ceduta dalla famiglia Della Valle con BonelliErede (TLIndex1), e successivamente il club viola per il Viola Park; Joe Tacopina (ex presidente del Bologna) per il Catania Calcio (Serie C); e Robert Platek per lo Spezia Calcio.

Chiomenti ha poi assistito il Credito Sportivo nel progetto di restyling dello stadio Renato Dall'Ara di Bologna, che ha visto Belvedere Inzaghi (TLIndex87) con il Bologna Fc 1909. Chiomenti è stato coinvolto anche dal Cagliari Calcio, assieme a Gatti Pavesi Bianchi (TLIndex6) con il gruppo Costim, nel progetto di realizzazione del nuovo stadio di Cagliari. Legislab ha poi affiancato la squadra sarda per un accordo con Exeed, con Lexepertise, volto a sviluppare sinergie nel mondo dei videogiochi.

Nctm (TLIndex12) e Rsm hanno affiancato, invece, il gruppo statunitense Krause per l’acquisizione del Parma Calcio 1913 e dello Stadio Tardini, un’operazione che ha visto il coinvolgimento di Gattai Minoli Agostinelli e Belli con i venditori di Nuovo Inizio, la società che controllava il club ducale partecipata dagli imprenditori parmensi Guido Barilla, Giampaolo Dallara, Mauro Del Rio, Marco Ferrari, Angelo Gandolfi, Giacomo Malmesi e Pietro Pizzarotti. Nctm, insime a Rutigliano e a Michele Belli sono stati coinvolti, inoltre, dal Parma Calcio nel procedimento di restyling dell’impianto comunale.

Passando alle serie minori, Cms (TLIndex75) ha affiancato il finanziere russo-americano Alex Knaster nell’acquisto della maggioranza del Pisa Calcio (Serie B), assistito da Grimaldi (TLIndex40); Tonucci l'Us Triestina Calcio (Serie C) nella gara e nel relativo finanziamento per la realizzazione del nuovo stadio a Trieste.

In ultimo, sul fronte dei diritti tv delle partite di campionato, si segnalano BonelliErede, Gianni & Origoni, Gattai Minoli Agostinelli per la media company della Serie A, che ha visto l'ingresso dei fondi Cvc, Advent e Fsi. Freshfields (TLIndex21), invece, ha affiancato Dazn nell’accordo di distribuzione con Tim nella gara per i diritti tv della massima serie calcistica.

Quella dei diritti tv è un’arena particolarmente competitiva e ha visto impegnati negli ultimi due anni anche i dipartimenti litigation degli studi, con in prima fila otto insegne nel contenzioso conclusosi lo scorso dicembre e relativo a una multa dell'Agcm da 66 milioni per una presunta intesa illecita tra Mediaset, Sky, Lega Calcio: BonelliErede, Chiomenti, Clarizia (TLIndex221), Cleary Gottlieb (TLIndex13), Lipani Catricalà (TLIndex113), Moretti, Presutti e Tonucci.

tags: ChiomentiDla PiperBonelliEredeNctmGrimaldiGattai Minoli AgostinelliGatti Pavesi BianchiCleary GottliebPwCCmsTonucciLipani CatricalàGianni & OrigoniBelvedere InzaghiLegisLabFininvestCagliari CalcioClariziaOaktreeFiorentinaMichele BelliNuovo InizioParma Calcio 1913BelliInternazionale FcBologna Fc 1909LexepertisePisa CalcioSpezia CalcioCatania CalcioRutiglianoUs Triestina Calcio
CLICCA PER CONDIVIDERE




Credits Landlogic IT

RSS

RSS