Equity Capital Markets

Pedersoli e Linklaters nell’Ipo di Ariston

Houthoff per gli aspetti di diritto olandese e Cravath per quello statunitense. Il produttore marchigiano di caldaie e pompe di calore ha trasferito la sede legale in Olanda e si è quotato a Piazza Affari. La capitalizzazione è di oltre 3,3 miliardi di euro

26.11.2021

Pedersoli e Linklaters nell’Ipo di Ariston

 


Pedersoli (TLIndex27) ha assistito il gruppo Ariston, gruppo di Fabriano (Ancona) attivo nella produzione di caldaie, pompe di calore e altri sistemi di riscaldamento, e gli azionisti di riferimento della famiglia Merloni sia per il trasferimento della sede legale in Olanda, completata a giugno 2021, anche in preparazione dello sbarco in Borsa italiana, sia per l’Ipo su Euronext Milan (già Mta).

Ariston è stata assistita, inoltre, da Houthoff per gli aspetti di diritto olandese e da Cravath statunitense. Linklaters (TLIndex14) con le banche coinvolte in qualità di joint global coordinators e i joint bookrunner per gli aspetti di diritto italiano, olandese e statunitense.

In particolare, Goldman Sachs Bank Europe, Intesa Sanpaolo-IMI e Mediobanca hanno agito quali joint global coordinator e joint bookrunner, mentre Bnp Paribas, BofA Securities Europe, Citigroup Global Markets Europe ed Equita Sim in qualità di joint bookrunner.

Ariston Holding N.V. (il nuovo nome della società di diritto olandese) ha concluso nelle scorse settimane il collocamento istituzionale volto all’ammissione a negoziazione delle proprie azioni ordinarie su Euronext Milan di Borsa italiana. Il 26 novembre sono iniziate le negoziazioni a Piazza affari del titolo con un prezzo di offerta delle azioni ordinarie di 10,25 euro per azione. I proventi lordi derivanti dall’offerta risultano pari a circa 915 milioni e la capitalizzazione del gruppo è di circa 3,375 miliardi di euro, comprensivi dell’aumento di capitale di circa 300 milioni. L'offerta è consistita in un collocamento riservato di azioni ordinarie di nuova emissione da parte della società e un'offerta secondaria di azioni esistenti, da parte degli azionisti della famiglia Merloni, con le società Merloni Holding e Amaranta, e di investitori istituzionali, pari complessivamente al 23,77% del capitale di Ariston.

L’operazione cross border è stata coordinata da Pedersoli con l’equity partner Eugenio Barcellona assieme all’equity partner Marcello Magro con i counsel Leonardo Bonfanti e Fabrizio Grasso, il senior associate Federico Tallia, l’associate Carlo Ranotti.

Ariston è inoltre stata assistita da Houthoff con un team composto dai partner Jetty Tukker e Philippe König e dalla senior associate Emma Schuttee.

Linklaters ha assistito i joint global coordinators e i joint bookrunner per gli aspetti di diritto italiano, olandese e statunitense con un team multigiurisdizionale composto dai partner Ugo Orsini e Alexander Harmse, dalla counsel Cheri De Luca, dai managing associate Francesco Eugenio Pasello e Xu Wang e dall'associate Matteo Pozzi.

Quest’anno sul listino Euronext Milan (l’ex Mta di Borsa Italiana, quando era controllata da Lse) sono sbarcate Intercos, Philogen, operazioni che hanno visto il coinvolgimento di Linklaters, Seco e The Italian Sea Group. Da inizio anno, si sono registrati numerosi delisting a seguito di Opa, tra cui quelle di Astm, Carraro, Credito Valtellinese, Ima, Massimo Zanetti, Sicit e Isagro.

Quanto ai processi di redomiciliazione in Olanda, Pedersoli ha assistito negli scorsi anni anche quelli di Mediaset e Campari.


 

 

TAGS

Eugenio Barcellona , Marcello Magro , Leonardo Bonfanti , Fabrizio Grasso , Federico Tallia , Carlo Ranotti , Jetty Tukker , Philippe König , Ugo Orsini , Alexander Harmse , Cheri De Luca , Francesco Eugenio Pasello , Xu Wang , Matteo Pozzi , Houthoff Buruma , Cravath Swaine & Moore , Citigroup Global Markets Europe Ag , Equita Sim , Merloni Holding , Amaranta , Intercos , Philogen , Secola , The Italian Sea Group , Astm , Carraro , Credito Valtellinese , Ima , Massimo Zanetti Beverage Group , Sicit , Isagro


TopLegal Index

Var. Pos. Studio Punteggio
1 BonelliErede 7,767
2 Chiomenti 6,176
3 Legance 5,372
4 Gianni & Origoni 5,368
5 Dla Piper 4,068
6 Dentons 2,577
7 Gatti Pavesi Bianchi Ludovici 2,571
8 Bird & Bird 2,476
9 Hogan Lovells 2,281
10 Gattai Minoli 2,200
11 Clifford Chance 1,978
12 Advant NCTM 1,824
13 Orrick Herrington & Sutcliffe 1,645
14 Cleary Gottlieb Steen & Hamilton 1,637
15 SLA Linklaters 1,584

TOPLEGAL REVIEW

Per ogni numero selezioniamo minuziosamente i temi che interessano davvero gli avvocati d'impresa.

Se conta, ne parliamo.

 

Sei già abbonato? Sfoglia la tua rivista


TopLegal Review edizione digitale
ENTRA | ABBONATI