TL Italy Index: chi scende e chi sale a maggio
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
17 mag 2021
CompetitivitĂ  degli studi

TL Italy Index: chi scende e chi sale a maggio

Carnelutti esce dalla TL25 al 26esimo posto dopo l'uscita di Bulgarini d'Elci (labour) e Mele (cybersecurity). Sale Watson Farley & Williams. Entra Target, nato dalla fusione dei fiscalisti di Malguzzi con uno spin off di professioniti corporate di Lms


L'ingresso di Giuseppe Bulgarini d'Elci nel labour fa salire Watson Farley & Williams di tre posizioni nella TL25, la classifica di TopLegal che raggruppa i primi venticinque studi in Italia per densità di eccellenza. Lo studio britannico specializzato nel settore trasporti scala la parte alta del TopLegal Italy Index passando alla 20esima posizione dalla 23esima del precedente rilevamento a 1,088 (l’indice numerico è rappresentativo rispetto al mercato di riferimento, base 100).

Guadagna una manciata di punti Gianni & Origoni che si porta a 4,864, restando però al terzo posto della TL25, grazie al lateral di Stefano Mele, professionista esperto di cybesecurity. Scende di quattro gradini, invece, Carnelutti, che si posiziona alla 26esima posizione (0,867) dalla 22esima,  in conseguenza alla perdita nel giro di poche settimane di Bulgaridin d'Elci e di Mele, uscendo così a maggio dalla TL25.

Per effetto indiretto, a seguito della risalita di Watson Farley & Williams, scendono nella TL25 di una posizione sia Pedersoli, 21esimo (1,038), sia Freshfields, 22esimo (1,036).

Nella parte medio-bassa della classifica, crolla al 147esimo posto (0,101) Lms dal 121esimo della precedente rilevazione, a seguito dello spin off di professionisti ex Latham nel coporate che hanno dato vita unendosi con i fiscalisti di Malguzzi al nuovo studio Target, che entra nel TopLegal Italy Index direttamente al 203esimpo posto (0,051).

Metodologia
Il TopLegal Italy Index misura la densità d’eccellenza e la stabilità degli studi legali. Da un lato, raccoglie i giudizi dei clienti sugli studi legali e sui singoli professionisti; dall’altro, prende in esame i passaggi laterali più significativi tra le insegne. I giudizi si basano su criteri soggettivi ma universalmente riconosciuti e condivisi dai committenti. Alla base del monitoraggio, vi sono le ricerche qualitative del Centro Studi TopLegal e l’osservatorio Lateral Monitor. L'indice su base 100 rappresenta il rapporto tra il punteggio guadagnato da ciascuno studio e la sommatoria dei punteggi di tutti gli studi appartenenti all’Index.    

Per informazioni più dettagliate sulla metodologia dell'index clicca qui.

TopLegal Italy Index aggiornato al 15 maggio 2021