Curtis con Tim nell'acquisizione di due rami d'azienda di Bt Italia
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
15 dic 2020
Tmt

Curtis con Tim nell'acquisizione di due rami d'azienda di Bt Italia

Dla Piper per i profili antitrust, Andersen per i profili fiscali. Nctm ha affiancato British telecom con Facchini Rossi Michelutti per i profili fiscali

 

Curtis (TLIndex181) e Nctm (TLIndex11) sono gli studi coinvolti nella sottoscrizione dell'accordo tra Tim e British telecom volto all’acquisizione delle business unit italiane di Bt Italia che offrono servizi alla pubblica amministrazione e al settore Smb (small medium business). I due rami d'azienda oggetto dell'accordo hanno registrato, nel corso dell'esercizio fiscale terminato a marzo 2020, ricavi pari a circa 90 milioni di euro.

Nella partita anche Dla Piper (TLIndex4) con Tim per gli aspetti antitrust dell'operazione, e Andersen (TLIndex198) per i profili fiscali, la due diligence finanziaria e la valutazione dei business acquisiti. Facchini Rossi Michelutti (TLIndex42) ha assistito Bt Italia per i profili fiscali.

Tim è stata assistita da Curtis, che ha affiancato il team legale interno guidato dal general counsel Agostino Nuzzolo, con un team interdisciplinare guidato dai partner Dino Dima e Alfonso de Marco e composto dagli associate Mattia Morani, Simone Castelli. Il partner Francesco Caccioppoli e l’associate Giuseppe Calamo hanno inoltre seguito gli aspetti di diritto amministrativo.

Dla Piper ha affiancato Tim per gli aspetti antitrust dell'operazione con un team formato dal partner Domenico Gullo e il collaboratore Matteo Bozzo.

Il team multidisciplinare di Andersen, nel tax, legal e financial advisory, guidato dal partner Maricla Pennesi, coordinatore tax per l’Italia e l’Europa, ha curato i profili fiscali connessi all’accordo con il supporto di Giovanni Gallucci, associate partner esperto di fiscalità internazionale. Gli aspetti valuation dei business acquisiti sono stati analizzati e determinati da Serena Quaranta, responsabile del team valuation di Andersen. L'associate partner Vincenzo Soria ha curato la financial due diligence. Infine, con Andrea di Castri e Matteo Amici sono stati definiti alcuni degli aspetti giuslavoristici più rilevanti dell’acquisizione.

British Telecom è stata assistita da Nctm, che ha affiancato il team legale interno guidato dai legali interni di Bt e dal general counsel per l'Italia Stefano Vicariotto, con un team coordinato da Vittorio Noseda e composto dallo stesso e da Marco Cosa per gli aspetti corporate M&A, da Roberta Russo per gli aspetti labour e da Francesco Mazzocchi per gli aspetti antitrust.

Facchini Rossi Michelutti ha assistito Bt Italia per i profili fiscali, con un team formato da Riccardo Michelutti, partner, Francesco Capitta, of counsel, Fabrizio Zecca, senior associate, Maria Luisa Inchingolo e Andrea Vacca, associate.
 
Curtis ha assistito Tim anche nella cessione di Persidera nel 2019, mentre Nctm ha affiancato British telecom negli ultimi quindici anni nelle principali operazioni straordinarie, tra cui l'acquisizione della rete tlc di Iren nel 2016.

Notizia integrata il 21 dicembre 2020 alle 11,28: si aggiunge il team di Andersen.

tags: Dla PiperNctmTelecom ItaliaTimRiccardo MicheluttiAgostino NuzzoloCurtisDomenico GulloFrancesco CapittaAlfonso de MarcoRoberta RussoDino DimaVittorio NosedaMatteo BozzoMaricla PennesiBt ItaliaFrancesco CaccioppoliMarco CosaFabrizio ZeccaGiuseppe CalamoFrancesco MazzocchiAndrea di CastriMattia MoraniGiovanni GallucciSimone CastelliBritish TelecomAndrea VaccaMaria Luisa InchingoloStefano VicariottoFacchini Rossi MicheluttSerena QuarantaMatteo AmiciVincenzo Soria
CLICCA PER CONDIVIDERE




Credits Landlogic IT

RSS

RSS