Cambio al vertice di Curtis in Italia
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
31 dic 2019
Lateral

Cambio al vertice di Curtis in Italia

Galileo Pozzoli lascia lo studio americano, dove era managing partner. Il professionista raggiungerà Squire Patton Boggs, che aprirà la sua prima sede italiana

 

 

Cambio al vertice di Curtis Mallet-Prévost Colt & Mosle in Italia. Galileo Pozzoli (in foto) ha lasciato lo studio americano, dove ricopriva il ruolo di managing partner degli uffici di Milano e Roma. Il professionista raggiungerà Squire Patton Boggs, che nel 2020 aprirà la sua prima sede in Italia.

Contattato da TopLegal, Curtis spiega che Pozzoli non lavora più per lo studio e che la posizione di managing partner per l'Italia è stata assunta da Guillermo Ulke, membro del Curtis worldwide strategic planning committee. Alfonso de Marco presiederà la practice italiana.

Secondo quanto risulta a TopLegal, Pozzoli a inizio 2020 sarà il nuovo numero uno di Squire Patton Boggs in Italia, dove guiderà un team di professionisti proveniente da Curtis. Contattato da Toplegal, Squire Patton Boogs per ora ha declinato ogni commento.

Pozzoli, specializzato in diritto dell’energia, soprattutto negli arbitrati internazionali, con competenza sui settori di petrolio e gas, ha militato in Curtis per 17 anni. Entrato nel 2002, è diventato partner dello studio nel 2008. Nel 2010 è stato nominato managing partner della sede di Milano ed è entrato nell'European management committee dello studio americano.

Sotto la sua direzione, lo studio è cresciuto in organico in Italia mettendo a segno una serie di lateral hire e aprendo una seconda sede a Roma nel novembre 2014, con gli ingressi dei soci Alfonso de Marco e Sergio Esposito Farber, entrambi provenienti da Gallavotti Honorati de Marco & Partners. Nei suoi otto anni di direzione, Curtis ha reclutato soci di peso quali Emanuella Agostinelli da Eversheds nel 2011, Tullio Rodolfo Treves nel 2012 (senior consultant), Dino Dima da Telecom nel 2015, Daniela Sabelli da Simmons & Simmons nel 2013, Filippo Palmieri da Baker McKenzie nel 2017 ed Enrico Troianiello nel 2018 da Lombardi.   

Oltre alla gestione dei due uffici italiani, Pozzoli in oltre quindici anni di permanenza in Curtis ha seguito da vicino importanti arbitrati internazionali. In particolare, oltre a quelli a fianco del Ghana, dell’Algeria, della Tanzania e della società petrolifera statale albanese, Pozzoli ha assistito l’Uganda dal 2011 al 2018, guidando un team internazionale assieme al chairman dello studio George Kahale III, nell’ambito di arbitrati riguardanti controversie fiscali relative alla tassazione delle cessioni da una società petrolifera ad un’altra dei diritti di sfruttamento di alcuni giacimenti.

tags: Simmons & simmonsBaker McKenzieEvershedsCurtis Mallet-Prévost Colt & MosleTelecomGalileo PozzoliDaniela SabelliAlfonso de MarcoSquire Patton BoggsDino DimaFilippo PalmieriSergio Esposito FarberLombardiEnrico TroianielloEmanuella AgostinelliGallavotti Honorati de Marco & partnersGeorge Kahale IIITullio Rodolfo TrevesGuillermo Ulke
CLICCA PER CONDIVIDERE


eventi
Tax Director: corsa verso l'innovazione?

online

mercoledì 28 ottobre
Tax Director: corsa verso l'innovazione?
GDPR Exclusive Community - II edizione

giovedì 29 ottobre
GDPR Exclusive Community - II edizione




https://teleforum.eustema.it/it/




https://toplegal.it/eventi/27084/gdpr-exclusive-community-ii-edizione

https://toplegal.cawi.idsurvey.it/default.cshtml?id=58a9904f-6e4b-428d-8b53-6815793d8df7

Credits Landlogic IT

RSS

RSS